Mozione Gender a Lonate Pozzolo è indecente

COMUNICATO STAMPA
MOZIONE GENDER A LONATE POZZOLO È INDECENTE
 
Varese, 20 maggio 2016
 
Arcigay Varese era presente al consiglio comunale di Lonate Pozzolo riguardante la cosiddetta teoria del gender.
La mozione approvata ieri sera in consiglio comunale a Lonate Pozzolo è indecente: arriva infatti a legittimare la censura o quantomeno a imporre una sorta di “filtro”, creando così un precedente pericoloso che può essere riutilizzato dai consiglieri comunali che hanno formulato la proposta per poter censurare altri argomenti a loro “scomodi”.
“Estremamente gravi le affermazioni sentite durante il dibattito in consiglio comunale” – dichiara Giovanni Boschini, Presidente di Arcigay Varese, – “qualcuno ha persino asserito che l’omofobia sarebbe un concetto creato ad hoc da “attivisti genderiani” citando fonti realmente poco attendibili e smontate dalla comunità scientifica, come i convegni di Gianfranco Amato o fantomatici psicologi o psicoterapeuti che trovano spazio solo negli ambienti religiosi più estremisti, dove l’approccio razionale a queste tematiche è pressocché nullo. È evidente come affermazioni di questo calibro infanghino senza alcun pudore e ritegno tutte le storie di giovani e adulti discriminati per l’orientamento sessuale in famiglia, a scuola e sul posto di lavoro ed è altrettanto grave che a dirle siano proprio dei rappresentanti della cosa pubblica, che dovrebbero rappresentare indistintamente tutti i cittadini.
Suggerirei ai consiglieri di maggioranza di pensare a materie più rilevanti per la comunità di Lonate Pozzolo piuttosto che avventurarsi in discorsi su teorie inesistenti o al limite del complottismo come la teoria del gender, teoria già dichiarata inconsistente dal punto di vista scientifico dall’Associazione Italiana di Psicologia.
Su questa mozione faremo le opportune segnalazioni a chi di dovere e ci mobiliteremo di conseguenza”.