UE, INTERROGAZIONE ITALIANA SUGLI ARRESTI DEGLI ATTIVISTI LGBTI IN POLONIA. ARCIGAY: “VACILLA IL SENSO DELL’UNIONE EUROPEA. INDISPENSABILE UNA REAZIONE VIGOROSA”

UE, INTERROGAZIONE ITALIANA SUGLI ARRESTI DEGLI ATTIVISTI LGBTI IN POLONIA. ARCIGAY: “VACILLA IL SENSO DELL'UNIONE EUROPEA. INDISPENSABILE UNA REAZIONE VIGOROSA”

Bologna, 26 agosto 2020 – “Accogliamo con sollievo la notizia dell'interrogazione degli europarlamentari italiani Benifei (S&D) e Castaldo (NI) sugli arresti arbitrari di alcuni attivisti e attiviste lgbti in Polonia”: lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario generale di Arcigay. Che prosegue: “Ora però attendiamo una risposta chiara e netta, che espliciti una condanna fattiva ai provvedimenti smaccatamente omofobi del governo polacco. Perché l'omotransfobia in Polonia è diventata ormai programma di governo con la rielezione del presidente Duda e si manifesta sempre più spesso attraverso la violazione dei più elementari principi di uno Stato di diritto. L'Europa deve stare dalla parte delle persone ingiustamente arrestate in Polonia e deve fare la sua parte per tutelare i diritti fondamentali di tutti i cittadini e le cittadine europei. Servono quindi provvedimenti urgenti e servono sanzioni esemplari: bene hanno fatto i due europarlamentari a chiederle esplicitamente.Se così non fosse, saremmo di fronte a un paradosso inaccettabile nell'identità stessa dell'Unione europea. Un fatto grave, che gonfierebbe le vele degli antieuropeisti, l'ultima cosa di cui l'Europa ha bisogno oggi”, conclude Piazzoni. 

Leggi di più su UE, INTERROGAZIONE ITALIANA SUGLI ARRESTI DEGLI ATTIVISTI LGBTI IN POLONIA. ARCIGAY: “VACILLA IL SENSO DELL’UNIONE EUROPEA. INDISPENSABILE UNA REAZIONE VIGOROSA”

Tag: