Giornata mondiale per la lotta contro l’Aids, online il video di Arcigay: “Siamo tutt* sierocoinvolti”

Bologna, 30 novembre 2018 – “Siamo tutt* sierocoinvolti” è il claim della  campagna che Arcigay promuove in occasione del 1° dicembre, Giornata mondiale per la lotta contro l’Aids. Il video realizzato per veicolare la campagna lancia un doppio messaggio: un appello ad un’assunzione di responsabilità collettiva sulla riduzione dell’epidemia e dello stigma verso le persone con HIV, ma anche un messaggio informativo sul fatto che oggi una persona con HIV in terapia con carica virale non rilevabile non trasmette il virus. “Siamo tutti sierocoinvolti – spiega Michele Breveglieri, responsabile Salute nella segreteria nazionale di Arcigay –  significa che ha sempre meno senso, se mai lo ha avuto, dividere il mondo in sieropositivi (persone che vivono con HIV) e sieronegativi (persone che non hanno l’HIV), perché tutti hanno avuto, consapevoli o meno, e a vari livelli di prossimità, esperienza dell’HIV nella realtà degli incontri della propria vita o nell’immaginario delle proprie paure. La vera differenza oggi la fa proprio quell’assunzione di responsabilità collettiva, condivisa, di comunità, per cui si dice un secco no al muro avvelenato del silenzio, della paura e del rifiuto e si fa tesoro di tutti quegli strumenti di prevenzione che oggi ci sono e che consentono di godersi la vita e il sesso. Anche con l’HIV, per evitare nuove infezioni.”. Perciò è importante innanzitutto fare il test, per conoscere il proprio stato sierologico e, in caso caso di esito positivo, fare la terapia attraverso la quale abbattere la carica virale e l’infettività (TasP). Oltre alla TasP sono altrettanto importanti i metodi di prevenzione come l’uso del preservativo o della profilassi pre esposizione (PrEP), cioè il farmaco che assunto quotidianamente dalla persona sieronegativa impedisce al virus di attecchire. “La campagna – prosegue Breveglieri – ribadisce quindi un concetto che Arcigay veicola da tempo: una persona che vive con HIV e che segue una terapia efficace stabile, con carica virale non rilevabile, non trasmette il virus. Questo aspetto diventa non solo uno strumento di prevenzione contro la diffusione dell’HIV, ma anche un potente strumento di liberazione dalla paura. Paura di infettare (per le persone con HIV) o di infezione (per chi incontra persone con HIV). Nel video della campagna questo concetto lo ribadiscono, assumendosi quella responsabilità collettiva auspicata, uomini che vivono con HIV e uomini che non hanno l’HIV”, conclude. Il video, realizzato dall’agenzia creativa Pavlov, si è ispirato alla campagna The undetectables di GMFA del Regno Unito e ha coinvolto volontari di Arcigay Milano e Arcigay Verona. Tutte le informazioni sulla pagina www.arcigay.it/sierocoinvolti.
Tutti i materiali (video + grafiche social) sono scaricabili al link:  https://drive.google.com/open?id=1E7Al7YDf8IrjiHjmta9ZQWXchZu7gHDZ

Fonte: Arcigay.it – Comunicati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *